Vivaio letterario

Leggere il Mondo

Ritiro letterario con Gian Luca Favetto
7-9 agosto 2020, la Serra (Belluno)

Se è vero, come dice Montaigne, che la parola è per metà di chi scrive e per metà di chi legge; se è vero, come è vero, secondo un aforisma di Nicolàs Gòmez Dàvila, che le parole dei libri sono pietruzze gettate nell’animo del lettore e che il diametro delle onde concentriche da esse formate dipende dalle dimensioni dello stagno, allora la letteratura appartiene più alla lettura che alla scrittura. Se appartenesse di più alla scrittura, si chiamerebbe scritteratura e sarebbe cosa scriteriata. È perché appartiene alla lettura -al lato paziente di noi, il lato dell’ascolto,
intimo, silenzioso- che si può credere nella letteratura. Io credo nel valore della letteratura, credo nel volere della letteratura e anche nel volare. Vola vuole e vale, la letteratura. Fa volere, volare e dà valore, valori, perché è movimento, viaggio, cambiamento. Di sguardo e di posizione. Di natura.
Credo sia potenza, non potere. Credo sia energia. E credo possa cambiare il mondo, il piccolo mondo interiore di chi la pratica insieme: di chi legge e di chi scrive.
Credo che leggere sia leggere mondi al di là della pagina, entrare nelle parole e nei racconti per andare a vivere anche altrove. Credo sia mettere opere in cammino, mettere in relazione cose persone luoghi. Per questo la letteratura è una grande geografia di storie. E noi facciamo un viaggio nei suoi confini, strutturato secondo questo programma di massima:

Venerdì sera – Pagine di accoglienza;
Sabato mattina e pomeriggio – Libri come compagni di viaggio;
Domenica mattina – Sulla lettura e sulla scrittura. Un viaggio fra le pagine e le storie di quattro libri e quattro scrittori, in compagnia di Ismaele e del capitano Achab, del vecchio Santiago e di Nick Adams, del tenente Drogo e della Bufera musica superba. Solchiamo oceani, attraversiamo foreste e deserti, abitiamo pagine come città. Da Belluno a New York.
Partiamo con Herman Melville, proseguiamo con Ernest Hemingway e Dino Buzzati e finiamo dalle parti di Walt Whitman.
A farci da mezzo di trasporto: Moby Dick, I 49 racconti, Il deserto dei tartari e Foglie d’erba. Leggendo insieme, passando da un titolo all’altro, ricomponiamo un’unica storia, un unico libro. E chissà che nel viaggio
non si incontri qualche altro autore. Ogni testo, in fondo, sogna il suo lettore. Ogni lettore scrive il suo testo. Ogni testo, pur che sia letteratura, fa suo il lettore.

Gian Luca Favetto

la Serra

Programma

Venerdì:
lettura e cena di benvenuto


Sabato:
9.30 prima colazione
10-12 storie e letture
13 pranzo
15-17 storie e letture
18.30 aperitivo letterario a Villa Buzzati
20.30 cena con cuoco privato
al Casel di Poggio Pagnan


Domenica:
9.30 prima colazione
10-11.30 pensieri e ragionamenti
12 aperitivo e saluti

Info e iscrizioni

laserra@rossodolomiti.it
cellulare: +39 348 3045055

Posti disponibili: 11
Costo: 250 euro, tutto compreso (esclusi trasporto e pernottamento)
Sede del ritiro: la Serra, via Frontin 94a, Borgo Valbelluna (Belluno)
Dove dormire:
la Serra (1 camera doppia), rossodolomiti.it
Dimore Dolomiti (da 1 a 7 km da la Serra), dimoredolomiti.it
Come arrivare:
in treno (viaggio meditativo), stazione di Sedico-Bribano o Belluno
in auto, autostrada da Mestre a Belluno
Le iscrizioni chiudono il 15 luglio.

Did you like this? Share it!

0 comments on “Leggere il Mondo

Comments are closed.