Vivaio letterario

La natura della vita. Di mucche mutanti, giustizia, libertà

19 agosto prima colazione con Fulvio Ervas

Scrivo storie che nascono da suggestioni diverse: poche storie vere, molta invenzione, qualche delitto da risolvere. Però lo sguardo indossa occhiali che selezionano tematiche che mi sono care perché sento, oltre il piacere, una sorta di impegno nel portarle ai lettori.
Il tappeto narrativo è quasi sempre composto dai fili del territorio e dei paesaggi e i colori sono quelli delle faccende ambientali: i disturbi che provochiamo a un fiume, una falda, una foresta.

Cerco di stare dalla parte di ciò che ci sostiene e che ci alimenta, che ci emoziona e ci fa sognare. E trovo che, sempre, sia interessante dialogare con alberi, animali, sentieri, montagne. Perché in quella compagnia guardiamo più avanti e più in profondità.
Ed è per questo, che io scriva dei polizieschi o storie per ragazzi, che racconti di farfalle o mucche di Chernobyl, cerco di dare parola a quella rete dei viventi di cui, spesso dimenticandocene, siamo parte. Fulvio Ervas

Fulvio Ervas è nato nell’entroterra veneziano qualche decina d’anni fa. Ha insegnato per molti anni scienze naturali scrivendo, nel tempo libero, diciassette romanzi, pubblicati da Marcos y Marcos. Nove hanno come protagonista l’ispettore Stucky, mezzo persiano e mezzo veneziano (l’ultimo, La giustizia non è una pallottola, è uscito nel 2022). Finché c’è prosecco c’è speranza, quarta avventura di Stucky,è diventato un film, con la regia di Antonio Padovan, e Giuseppe Battiston nei panni dell’ispettore. Se ti abbraccio non aver paura, uscito nel 2012, è stato un caso letterario che ha dominato a lungo le classifiche dei libri più venduti ed è stato tradotto in nove lingue. Nel 2019 Gabriele Salvatores ne ha tratto un film: Tutto il mio folle amore, con Claudio Santamaria, Valeria Golino, Diego Abatantuono e Giulio Pranno. Il Convegno dei ragazzi che salvano il mondo (2019) è il primo romanzo dedicato ai lettori più giovani, seguito da Piccolo libro di entomologia fantastica (Bompiani 2021) e da Le mucche di Chernobyl, che esce per Marcos y Marcos il 6 settembre.

Programma

sabato ore 9.30 prima colazione. Caffè, tè, tutte le cose buone che servono a cominciare bene la giornata: biscotti con farine bio cotti in forno a legna, yogurt e formaggi locali, marmellate con la frutta del giardino, e quello che il risveglio e la stagione ispirano. Poi, con Fulvio Ervas indaghiamo piccoli misfatti e grandi ingiustizie, contro la natura e i nostri fratelli umani; ore 12.30 pranzo leggero, saluti e brindisi.


Info e iscrizioni

laserra@rossodolomiti.it
cellulare: +39 348 3045055

Posti disponibili: 14
Costo: 40 euro, inclusi cibo, bevande e l’incontro esclusivo con l’autore; ai soci Fai è offerto lo sconto del 20%
Dove: la Serra, via Frontin 94a, Borgo Valbelluna (Belluno)
Come arrivare:
in treno (viaggio meditativo), stazione di Sedico-Bribano o Belluno
in auto, autostrada da Mestre a Belluno

Did you like this? Share it!

0 comments on “La natura della vita. Di mucche mutanti, giustizia, libertà

Comments are closed.